liberamente tratto dal racconto di Charles Dickens
musiche eseguite dal vivo da FABIO GRASSO
interpretato da TURI ZINNA
regia di FEDERICO MAGNANO SAN LIO

Il lavoro qui presentato è liberamente ispirato al romanzo breve “Canto di Natale” di Charles Dickens.
Il romanzo – ormai compenetrato nella cultura europea attraverso vari adattamenti teatrali e cinematografici – ha il privilegio di essere al contempo una favola per bambini e una visionaria critica alla cattiveria umana. È in questo doppio binario che abbiamo esplorato le forme del testo, per dar corpo ai “due” romanzi che in esso si nascondono, cercando quel pre-testo rarefatto e “fantasmatico” che costituisce l'architrave della narrazione: di quei tre spiritelli del Natale che ci conducono nel nostro passato e nel nostro futuro in un costante invito ad agire nel presente.
Siamo partiti alla ricerca del Dickens scrittore di voci, autore di una scrittura destinata alla scena scarna tipica dei reading londinesi, di cui lo stesso amava parteciparvi come lettore.
Abbiamo tentato, con l'ausilio di una drammaturgia sonora di costruire delle atmosfere plastiche e di intrecciare i personaggi e i luoghi in una materia “musicale”.
Ogni spettatore avrà modo di fruire dello spettacolo su due livelli percettivi: il primo livello sarà costituito dalla leggerezza narrativa, mentre il secondo, più intimo e profondo, è particolareggiato da un concatenarsi di angosce e di denunce contro la disumanizzazione.

Share This